Ristorante Thaylandese Roma

Il locale che abbiamo trovato al primo sopralluogo era freddo, grande e mal arredato; il nostro intervento però non doveva cambiare la conformazione, ma solo l’aspetto. Questo per una questione di tempi e di costi dettati dalla committenza.
Il primo pensiero è stato quello di scegliere un mood che restringesse la percezione dello spazio, abbiamo optato per un verde molto scuro alle pareti e al soffitto abbinato con un rivestimento in bambù. Per la parete di fondo abbiamo optato per un murales che evocasse subito l’oriente e in particolare la cultura tailandese, verde legno e oro, questo il filo conduttore della sala principale, l’illuminazione poi ci ha aiutato a far percepire il tutto come un sogno.
La sala d’ingresso, dove si trova il banco per la preparazione dei piatti di pesce crudo, é molto più ornata e piena di oggetti caratterizzanti, ma dall’aspetto più fresco dato dalla parete “verde” di fondo.